lunedì 21 marzo 2016

MOVIDA SI MOVIDA NO….OPPURE GENTRIFICATION: INTERVISTE AI CANDIDATI CONSIGLIERI COMUNALI

La parola “gentrification” è stata la più abusata della stagione 2015-2016 da parte di alcuni sistemisti, quasi pari a quanto l’opinione pubblica mainstream utilizzi il termine movida come spartiacque tra comitati di quartieri e chi invece “vuole viversi la notte”. Siamo all'interno di etichette generalizzatrici, è chiaro, se poi aggiungiamo anche la parola “cultura” a Torino creiamo un minestrone difficilmente digeribile per tutti.
Stiamo però entrando nel pieno della campagna elettorale più incerta della storia recente di Torino, per cui Sistema Torino ha deciso di (provare a) assumere un ruolo di informazione cittadina e proporre il primo “speciale elezioni” (a mò della RAITRE anni 90) proprio su questi temi: abbiamo posto le stesse domande a quattro candidati che per vari motivi conosco bene i quartieri cittadini maggiormente coinvolti da questi fenomeni. Ne sono uscite molte considerazioni interessanti, con aderenze tra rappresentanti di movimenti diversi e nel contempo aperture inaspettate per molti di noi.
Ma sta a voi giudicare, con la speranza che tutto ciò vi aiuti a orientarvi nella scelta del candidato migliore per i vostri gusti politico-sociali-gastronomici (il cibo è importantissimo quando si parla di gentrification).
Nel frattempo ringraziamo i candidati che hanno offerto la loro disponibilità (in rigoroso ordine alfabetico del nome)


2 commenti:

  1. José Palermo21 marzo 2016 14:42

    Si riesce avisualizzare solo quello del comunista. Comunisti!!! :-D

    RispondiElimina
  2. io sono riuscito a visualizzarli tutti, e alla fine quello meno ondivago, più onesto, schietto e insomma, quello che dice qualcosa di concreto, è proprio quello del comunista. Gli altri sono dei bei discorsi politicanti che non dicono nulla... Mix di qua mix di là, e poi alla fine vattela a piglià... Dave Bowz

    RispondiElimina

Il commento ai post del blog di Sistema Torino è libero e non richiede registrazione. E' comunque gradita la firma. Commenti ritenuti inopportuni oppure offensivi verranno rimossi dagli amministratori