sabato 15 giugno 2019

ADESIONE AL TORINO PRIDE 2019: DIRITTI CIVILI E NON SOLO

Sistema Torino è molto felice di partecipare in massa al Torino Pride 2019 di sabato 15 giugno a Torino.
E siamo ancora più felici di aderire convintamente al “DOCUMENTO POLITICO – TORINO PRIDE 2019”.
Così come riteniamo una bella notizia il fatto che i due principali partiti torinesi, cioè il PD e il Movimento 5 Stelle, abbiano aderito: una domanda però sorge spontanea.
Partito Democratico e Movimento 5 Stelle lo hanno letto il documento politico cui hanno aderito?
Forse è la stessa domanda che si è fatto il “Torino Pride” stesso, che chiederà ai politici presenti alla manifestazione di firmare e sottoscrivere il documento. 

E ben fanno visto che l’ attualità politica dei due partiti sembra stonare fin dall’ incipit del documento stesso che ci ricorda il perché del carnevale come riferimento:
il carnevale, tuttavia, è il momento dell’anno in cui fin dall’antichità tutte e tutti, per un giorno, sono uguali, e possono dileggiare bonariamente i potenti, attraverso il rovesciamento dei ruoli e la libera espressione di caratteristiche personali che rimangono celate, quando non esplicitamente osteggiate, nel resto dell’anno.

In tempi di DASPO urbano (una misura con cui un Sindaco – in collaborazione con il prefetto – può multare e poi stabilire un divieto di accesso ad alcune aree della città per chi «ponga in essere condotte che limitano la libera accessibilità e fruizione» di infrastrutture di trasporto) viene difficile immaginarsi una adesione al dileggio dei potenti e alla libera espressione. 

E chi ha introdotto per primo il concetto di DASPO in un decreto sicurezza? Minniti, PD.
E chi sta cercando di restringere ulteriormente le libertà personali attraverso un Decreto Sicurezza bis? Il Governo a maggioranza 5 Stelle.

E quindi? E quindi siamo solo all'inizio, prego sedetevi comodi che sta per cominciare lo show…dell’ipocrisia. (semi-Cit. Salmo)

LA FIERA DELLE CONTRADDIZIONI

Infatti, “il Pride è intersezionale” e “combatte questo sempre più aggressivo tentativo di normalizzazione a appiattimento al pensiero unico che proviene oggi addirittura dai palazzi che dovrebbero tutelarci tutte e tutti”: ed è proprio nella difesa delle altre sezioni della società che casca l’asino delle adesioni partitiche.

Si parte col ricordare che l’Italia ottiene nel 2018 il 27%, punteggio nel RAINBOW INDEX,
(indice che valuta i Paesi europei rispetto a variabili come uguaglianza e non-discriminazione, famiglie LGBT), nel chiedere maggiori diritti per i migranti LGBTQI e “l’abrogazione del Decreto Sicurezza approvato dal governo Conte (M5S+Lega) che sta complicando il procedimento per ottenere la cittadinanza. Stiamo già vivendo gli effetti negativi dello smantellamento progressivo del sistema di accoglienza e integrazione.”

Si prosegue con la difesa degli spazi occupati, ribadendo la loro essenzialità per la vita e il fermento culturale di una città: applausi a scena aperta da parte nostra, e un GRAZIE al Coordinamento Pride per essere andato dritto al punto senza mezzi termini. Ma quel Partito che sostiene da anni che i centri sociali sono il male di Torino, da chiudere hic et nunc in quanto illegali, come si è sentito di fronte a questo punto? Il documento lo sottoscriverebbe ancora tutto o solo in parte?

A questo aggiungiamo un passaggio di un paragrafo precedente ove, a proposito dello scrivere un comunicato andando dritto per dritto, si censurano “le diverse occasioni di repressione sociale e appiattimento culturale dove si tenta di silenziare le voci fuori dal coro e alcuni quartieri vengono addirittura militarizzati.” Caso mai i consiglieri pentastellati volessero sentirsi assolti, questo passaggio ricorda quanto siano irrimediabilmente coinvolti nella stoica difesa che nei mesi scorsi hanno compiuto rispetto alle azioni avvenute nel quartiere Aurora con lo sgombero dell’Asilo occupato.

Così come è altrettanto doveroso e doloroso ricordare che la “sinistra di Governo” che si arroga il primato dei diritti civili “sai che diritti hanno concesso, non sono stati nemmeno capaci di far approvare una legge sul matrimonio paritario, sull’adozione, sull’eutanasia, sull’omofobia, e fermiamoci qui” : per cui ci uniamo al Documento del Pride e ricordiamo ai politicanti che scenderanno in piazza che manca ancora per esempio una legge contro l’omo-bi-transfobia, quanto mai necessaria nei tempi bui che stiamo attraversando.

E siamo ancora uno dei pochi Paesi in cui è completamente assente il matrimonio egualitario, che riconosca alle persone dello stesso sesso gli stessi diritti e dignità. E, tanto per continuare a guardare al resto d’ Europa più progredito in quest’ ambito, ricordiamo inoltre che non è in Italia “garantita la possibilità di adozione di minori da parte di singoli, singole e coppie, indipendentemente dall’orientamento sessuale di chi ne fa richiesta”.

E questi sono solo alcuni punti salienti di un documento che non risparmia schiaffi metaforici a nessuno, ed è questo il motivo per cui idealmente lo sottoscriviamo.


E QUINDI? CHE FARE?

E quindi? E quindi viva il Pride, e viva questo movimento così trasversale da saper, e voler, includere tutti per ricordare attraverso un carnevale (come da rivendicazione iniziale citata) quanto la diversità (e la lotta) siano componenti essenziali della società.
Per questo motivo, dopo avervi portato in viaggio nel “tour nelle contraddizioni” di PD e M5S, ribadiamo la convinzione che non vi sia nulla di meglio di una piazza che chiede ai rappresentanti politici presenti di guardare in faccia le incongruenze del loro agire politico (anche perché mai ci sogneremmo di essere noi a fare i “buttafuori” di una manifestazione politica così aperta).

Chiudiamo con una nostra visione da sinistra. Altra preziosa azione positiva di questo documento è stata la capacità di scatenare un dibattito che ha messo tutti in guardia da un rischio che forse anche noi abbiamo corso in passato: pensare ai diritti civili come “diritti di Serie B” e "arma di distrazione di massa" del centro-sinistra che nel frattempo ha abbandonato i diritti sociali.

E se può essere vero (anzi lo è certamente) che la sinistra di Governo ha abbandonato i diritti sociali “pompando” di pinkwashing il proprio agire (e un parallelismo simile si può fare con le politiche civili della Giunta Appendino), è d’obbligo (e di sinistra) rifuggire dal rossobrunismo riconoscendo che TUTTI i diritti DEVONO essere al centro dell’agenda politica.
Di fronte a una attualità politica che ci propone gay picchiati e bullizzati, migranti perseguitati e la diversità vista come un male della società, non si può certo pensare ai diritti civili come fuorvianti.

Anzi, è solo facendo camminare per mano insieme diritti sociali e civili che una sinistra degna di questo nome potrà permettere un giorno a due persone dello stesso sesso di sposarsi e adottare un bimbo, senza correre il rischio di non sapere come arrivare a fine mese.

BUON PRIDE A TUTTI.

giovedì 13 giugno 2019

QUAL È IL VERO DEGRADO DEL CENTRO? Una iniziativa contro lo sfratto della Libreria Comunardi

Non poteva esserci periodo e luogo migliore (purtroppo) per presentare l’ultima fatica letteraria di Wolf Bukowski: “La buona educazione degli oppressi. Piccola storia del decoro”.

Un saggio che si staglia alla perfezione all’orizzonte dell’alato dibattito cittadino di queste settimane, che ruota intorno alla dicotomia decoro/degrado del centro storico. L’escalation recente ha avuto origine dal clamore mediatico destato dal comitato “PuliAmo Torino”, nato con l’obiettivo di “ripulire il centro città che sta diventando sempre più sporco e pieno di clochard”.
Dannazione, ci sono i clochard (adorabile il politically correct applicato a concetti politicamente aberranti), vi sono numeose “scritte anarchiche” sui muri e addirittura, udite udite, le colonne di Via Po si stanno scrostando. È EMERGENZA!

Forse non proprio emergenza democratica, ma trattasi comunque di una emergenza che va affrontata qui e subito: e sapete perché? Beh, perché il centro deve essere “a misura di turisti”, in fin dei conti è il nostro biglietto da visita con gli stranieri: per questo va ripulito da barboni, viandanti e poveracci che chiedono l’ elemosina. RITORNIAMO AL DECORO!

Ecco sì, siamo d’accordo, ritorniamo al decoro: noi abbiamo però una concezione leggermente diversa di decoro e di vita quotidiana di un quartiere, sia esso centro o periferia.

E qui veniamo alla notizia centrale del nostro pezzo: come molti di voi sapranno, la storica libreria torinese Comunardi, dal 1976 in via Bogino 2, a pochi passi da via Po, chiude a settembre.  
Al suo posto, udite udite, aprirà un altro supermercato della catena Pam Local: ne esiste già uno a poche decine di metri di distanza ma sentivamo comunque il bisogno di un altro, magari aperto “H24 7/7” per andare incontro alle esigenze di turisti e non.

In fin dei conti, ripensandoci bene, il diritto all’ acquisto commerciale ha raggiunto de facto il rango di sacro diritto costituzionale invìolabile (per fortuna i nostri padri costituenti avevano parlato di ben altri diritti, ma  ora si cambia: that’s capitalism baby).

Per capire meglio, aldilà delle facili ironie, il processo in cui si inserisce questa “sostituzione commerciale” citiamo una recente nota del Professor Semi a riguardo degli effetti della gentrification sul centro di Torino:
 “Una seconda reazione è invece più politica e ha a che fare con la gestione di questo mutamento, mutamento che avviene in una fase di evidente declino della città e anche del suo centro storico. Qui si va dalle accuse contro pedonalizzazioni e nuove restrizioni alla circolazione delle auto, all’amara consapevolezza che aver tolto al centro una funzione anche produttiva, ad esempio nel settore della pubblica amministrazione o dei servizi finanziari, ha significato togliere fiato a quelle attività commerciali di servizio ai relativi lavoratori, attività che garantivano però anche una vita di quartiere diurna. Questo è il tipico discorso à la Jane Jacobs: il quartiere vive anche grazie agli ‘occhi sulla strada’, cioè a quel controllo sociale informale che una fitta rete commerciale garantisce. Morti i negozi, muore anche il controllo sociale e si diffonde l’insicurezza (percepita o reale che sia).”

Insomma, quel  che sta succedendo oggi a livello commerciale non è altro che la conseguenza, a un paio di decenni di distanza, di quel che è avvenuto a livello abitativo (nella succitata nota tali concetti vengono descritti con dovizia di dati): una selezione di classe dei suoi abitanti e frequentatori, una sorta di barriera all’ ingresso per chi non può permettersi determinati consumi e stili di vita.

“Proprio in questo senso il decoro è rappresentato con efficacia icastica da Zerocalcare come un totem “svuotato, scavato dentro come una carie” all’ interno del quale “si possono annidare cose pericolose”. E infine, come tutte le altre “idee senza parole” e “miti tecnicizzati”, il decoro è “veicolo dell’ ideologia della classe dominante” anche quando si presenta apparentemente privo di contenuti ideologici, e cioè, semplificando al massimo, quando pulizia ordine, senso civico, eccetera appaiono come né di destra né di sinistra. Va da sé che la difesa dell’ ideologia della classe dominante ha la funzione pratica di difendere il dominio di quella stessa classe sulla società intera.”

Abbiamo chiuso con una citazione del libro di Wolf Bukowski, sperando in questo modo di spingervi a riempire sabato sera la Libreria Comunardi, per sostenere il suo quasi ex proprietario e confrontarsi tutti insieme a riguardo dei concetti fin qui espressi.

Ci vediamo sabato alla Comunardi, qui il link all’ evento:

https://www.facebook.com/events/470144620426467/

martedì 19 febbraio 2019

IL SISTEMA ROUSSEAU NON ESISTE

Signore e signori, abbiamo il risultato del nostro sondaggio! Ed è perfettamente riassunto dalla prima pagina di Cuore tirata fuori all’ uopo dall’ archivio storico della sinistra italiana (Da un’idea di Mauro Ravarino): quali altre analisi politiche profonde si possono fare di fronte a un Movimento che arriva a rinnegare la propria essenza pur di rimanere al Governo con il fascioleghista?

In una gara di ipocrisia verso il basso, vincono ancora una volta i Consiglieri comunali torinesi che si stracciano le vesti, si indignano, si fanno bersaglio degli strali social ma restano in sella perché a quanto pare il Movimento e la città hanno bisogno di loro (sinceramente noi non avvertiamo questa necessità di ascoltare ancora i penultimatum dei “ribbelli” di fronte agli scandali degli ex collaboratori della Sindaca Appendino, ai processi e a tutta la farsa che gira intorno a questa Giunta).
Ne facciamo volentieri a meno di questa masnada di improvvisati politici nati incendiari e pronti a morire forzisti: la transfigurazione del M5S nella nuova Forza Italia è infatti giunta a maturazione.
Dalle accuse alla magistratura che vuole colpire il Governo, ai giornali sempre contro fino all’ alleanza di Governo con i fascioleghisti, con l’unica differenza dell’atteggiamento zerbinesco dei pentastellati verso l’alleato: tutto è sacrificabile sull’ altare del Governo per forza.

E ora? Cosa succederà? Le Regionali piemontesi sanciranno il definitivo passaggio dei voti di destra all’ interno del loro alveo naturale, ovvero il leghismo xenofobo, razzista e perbenista: un profilo perfetto di quella maggioranza dei pentastellati che emerge dai commenti social e dalla stessa votazione di Rousseau (Il 59% ha voluto salvare Salvini e il suo Governo sovranista).

Quel che resta di questo slittamento a destra dei voti pentastellati è una carogna elettorale che potrà essere spolpata dal più scaltro e preparato ad approfittarne: ci sono, almeno a Torino, voti considerabili “di sinistra” tra i comitati, associazioni ambientaliste, movimenti per la casa, collettivi politici che sostennero “l’ #alternativa Appendino” nel 2016.
Qualcuno saprà approfittarne?

Grande è la confusione sotto il cielo, perciò la situazione è favorevole: quale momento migliore per togliere di mezzo l’enigma pentastellato e superare l’ anomalia della Casaleggio Associati tornando a parlare di politica secondo schieramenti e ideali che solo una truffa ideologica può aver considerato superati dalla Storia?

mercoledì 13 febbraio 2019

ALTA PUBBLICITA’

La Torino Lione è inutile, controproducente, un investimento a perdere, un danno ambientale inopportuno. Nulla di nuovo quindi, nulla di nuovo e nulla di diverso da quanto il movimento No Tav afferma da decenni. La vera domanda che oggi dobbiamo assolutamente porci è: basterà questo studio a dar sostanza all’endorsment del movimento cinque stelle circa l’opposizione a questa grande opera pubblica?
Di per sè l’analisi costi benefici non cambia la realtà: il cantiere esiste, l’area è sempre militarizzata, lo stato di diritto in quella zona del Piemonte rimane compromesso ed è di nebbiosa interpretazione. Si sprecano sui social manifestazioni di giubilo, comparsate tv per prendersi meriti e mantenere consensi, dopo la batosta presa in Abruzzo dove, un anno di politica illusoria e di ultradestra ha portato ad una liquefazione dell’elettorato, colato via come un ghiacciolo dimenticato al sole. Il movimento No Tav e la l'opposizione alla Tav sono sfruttati a fini politici sia a Roma che a Torino. Giusto lunedì la Sindaca, assente non giustificata l’8 dicembre e durante le votazioni in consiglio riguardo l’opera,offriva giudizi in merito alla coscienza notav (per non parlare di quella antifascista ed antirazzista ??!!) dei presenti al corteo cittadino pro Asilo.
L’analisi costi benefici ha un valore strategico e strumentale, è stata sacrificata sul terzo valico e forse lo sarà anche sulla Torino Lione, non è un valore politico personale quello che muove l'interesse del movimento cinque stelle, le parole di Di Maio circa la "trattativa sulle grandi opere" con Salvini sono eloquenti in tal senso. Se non fosse vero, si dovrebbe passare dalle parole ai fatti, senza continuare a lasciare il cerino dell' opposizione concreta all’opera ai movimenti territoriali e popolari del torinese (e non solo) . Movimenti sempre più esposti giuridicamente e nell'occhio del ciclone della repressione del dissenso, accerchiati tra madamine, giornali, politica, industria e sindacati. Al centro, oltretutto, del mirino del nuovo asse pentaleghista Salvini-Appendino, sempre più affiatato, tra voglie di olii, di ricino ed extravergine IGP.
I due piani di opposizione, come ci insegna l'esempio valsusino, possono e devono coesistere, ma ognuno faccia in fretta la sua parte, anche perchè il cantiere tutt'ora è funzionante, si faccia come con il commissariato di governo, si chiuda tutto e si ripristini la tanto cara "normalità" nell'area di Chiomonte. 
Lo sbandierare un’appartenenza vale molto di più in termini elettorali che non forzare un’alleanza, anche perché, visti i sondaggi, in molti perderebbero irrimediabilmente la carica faticosamente ottenuta a colpi di meme e grandi promesse di cambiamento.
Il cantiere va chiuso politicamente, lo si deve ai valsusini, lo si deve agli attivisti, lo si deve agli elettori ed a tutti coloro che stanno vivendo nel nostro Paese. 
Si è già ampiamente compreso come valori profondi, nati dall'opposizione all'opera, quali il rispetto dell'ambiente e delle volontà popolari e territoriali, non siano permeate dentro chi si riempie la bocca di contrarietà alla grande opera valsusina, gli esempi del terzo valico, della Tap e dell'Ilva di Taranto sono sotto gli occhi di tutti.

martedì 12 febbraio 2019

CHI SPORCA L’ANTIFASCISMO, L’ANTIRAZZISMO E LA CAUSA NO TAV?

Chi, secondo voi cari sistemisti, “ha sporcato l’antifascismo, l’antirazzismo, la causa NO TAV e molte nobili cause cui tenta codardamente di appropriarsi” tanto per citare l’intervento della Sindaca sceriffo nel Consiglio Comunale di ieri?

Chi occupa spazi pubblici abbandonati in quartieri abbandonati o chi, come Appendino stessa, trova il sostegno giubilante dei fascioleghisti nazionali e locali?

“Brava Sindaca per l’utilizzo del pugno duro, continui a lavorare forte e fiera con il Ministro Salvini!”: le parole del leghista Ricca valgono più di mille considerazioni.

Dopo l’ormai celeberrimo “IR-RE-VO-CA-BI-LE” relativo allo spostamento del mercato degli straccivendoli, la Sindaca gialloverde (si candiderà con la Lega una volta esauriti i mandati con il M5S?) sfoggia una nuova dimostrazione di forza virulenta in Consiglio Comunale e rivendica a pieni polmoni lo sgombero dell’ Asilo Occupato arrivando a citare la Prefettura e le indagini in corso relative agli arrestati, in una inedita (e oscena) sovrapposizione tra potere politico e potere giudiziario. Peccato che alcuni consiglieri della sua maggioranza abbiano ricevuto una telefonata proprio in quel momento e fossero fuori dall’ Aula nel momento dell’intervento della loro Capa. Un caso? Non credo.

Sarà forse dovuto all’ assenza di una linea politica unitaria e condivisa che sappia andare oltre alla comunicazione social e ai tweet di risposta all’ alleato di Governo?

Sarà che ci troviamo di fronte al solito e ormai ritrito (vedi elezioni in Abruzzo) cerchiobottismo che strizza l’occhio al leghismo con la Sindaca e tranquillizza i centri sociali “in bilico” con il Vice-Sindaco? C’è qualcosa di più strumentalmente NO TAV di un tale atteggiamento ondivago?

A tenere la barra dritta sul fascioleghismo ci pensa comunque la Sindaca nel suo intervento di chiusura del dibattito, con una frase agghiacciante che fa correre i brividi lungo la schiena di qualsiasi sincero democratico: “i cittadini lì molti tornano a vedere che lo Stato esiste, che lo Stato è presente”.
Da questa citazione testuale, dobbiamo forse capire che lo Stato mostra la propria presenza in un quartiere degradato attraverso lo sgombero di un luogo che era abbandonato e attraverso la militarizzazione dello stesso per giorni interi? Ma la Sindaca una volta progressista si rende conto dell’ abominio che ha pronunciato a verbale?

Di fronte al dibattito in Aula di ieri sera, in cui spiccano la lucidità politica (brutta parola in epoca grilloleghista) di Eleonora Artesio e il coraggio umano di Deborah Montalbano, resta per noi insoluta una domanda precisa.

Se l’Asilo Occupato era (ed è) proprietà comunale, chi ha fatto la denuncia con relativa richiesta di sgombero? Questa Amministrazione è andata oltre (o no) il PD delle precedenti Amministrazioni?

È vero che nel Decreto Sicurezza sono previsti gli sgomberi dei centri sociali che occupano spazi comunali?

Chissà se risponderanno, e come, nel merito e nei fatti a queste domande: e chissà, tanto per chiudere con una altra domanda, se arriverà prima il prossimo sgombero o la prossima intercettazione sui giornali a dare uno STOP definitivo a una Giunta che sa di alternativa più scura che la nostra città potesse mai immaginare.


venerdì 18 gennaio 2019

SALONE DEL LIBRO: IL SISTEMA TORINO NON ESISTE(VA)

La notizia torinese del giorno è l’avviso della conclusione indagini dell’inchiesta riguardante la vecchia gestione del Salone internazionale del Libro di Torino.

Partiamo dai dati di fatto: dopo quasi cinque anni di indagini e una cinquantina di persone informate sui fatti ascoltati i pm hanno notificato ieri mattina “il tradizionale 415 bis, atto che solitamente precede la richiesta di rinvio a giudizio” (Cit.Corriere Torino). I reati contestati sono peculato, falso ideologico in atto pubblico e turbativa d’asta.
Roberto Picchioni, patron del Salone, è il recordman per numero di imputazioni tra i 29 personaggi coinvolti, che vede nomi eccellenti del fu Sistema Torino degli anni d’oro della Kapitale della Cultura.
Ci sono l’ex Sindaco Piero Rodolfo Fassino, c’è l’attuale Assessora alla Cultura della Regione Piemonte Antonella Parigi, alcuni membri del CdA della Fondazione e l’ex Assessore regionale alla Cultura Michele Coppola, più imprenditori avvocati e revisori dei conti: insomma, ce n’è per tutti i gusti in queste 29 pagine che provano a ricostruire la storia delle assegnazioni del Salone nel periodo 2010-2015.
Particolarmente interessante nel documento è il passaggio relativo alla “Predisposizione del bando per il triennio 2016-2018”: si parla di ipotesi di “collusioni o altri mezzi fraudolenti (che) turbavano la Gara per la concessione dell'organizzazione del Salone Internazionale del Libro di Torino per l'anno 2016” al fine di assegnare la gestione a GL EVENTS ITALIA s.p.a., “in particolare stipulando in data 30.3.2015 il contratto triennale di locazione delle strutture espositive del Lingotto Fiere per gli anni 2016-2017-2018 al canone di locazione annuo di euro 1,160.000 e concordando l'inserimento nel successivo bando di gara di una serie di ulteriori clausole” che rendevano de facto impraticabile la partecipazione al bando per qualsiasi altra società esterna.

Molto divertente è la lettura delle note spese del patron Picchioni e dei centinaia di migliaia di euro spesi in ristoranti in cinque anni: una delle accuse è quella di essersi appropriato di “fondi derivanti dai conferimenti in denaro della Regione Piemonte, Provincia di Torino e Comune di Torino”.
Viene poi citata la “La cancellazione dei dati del computer di Picchioni”, ovvero “un fatto diretto a cancellare e comunque sopprimere informazioni e dati informatici relativi alla organizzazione dell'evento Salone del Libro dell'anno 2014 nel quale era ospite la Città del Vaticano e quindi utilizzati dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura e quindi ente pubblico o comunque ad essa pertinenti. Con l'aggravante che dal fatto derivava la cancellazione o la soppressione delle informazioni e dei dati.”

Chiudiamo con il capitolo “Bando per nuovi soci e sponsor”: secondo il documento di conclusione delle indagini, i soggetti Michele Coppola, Piero Fassino, Claudio Piacentini (Avvocato incaricato della predisposizione della convezione e dei bandi di gara), Andrea Lanciani (Avvocato incaricato
della predisposizione della convezione e dei bandi di gara) “con collusioni o altri mezzi fraudolenti turbavano la procedura per l'individuazione del socio fondatore/sponsor della Fondazione per il libro, la musica e la cultura indetto con avviso pubblico di ricerca di mercato per la scelta di operatori economici che intendessero assumere la qualifica di Socio Fondatore della Fondazione in data 15.3.2016 e la procedura indetta con avviso pubblico di ricerca di mercato per la scelta di operatori economici che intendessero diventare sponsor finanziari dell'edizione 2016 del Salone del Libro in data 23.3.2016.”
In particolare “dopo avere Piero Rodolfo Fassino, Sindaco di Torino, avviato trattative private volte a determinare l'ingresso di Intesa San Paolo quale socio della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, sfociate in una bozza di convenzione in cui venivano fissate le condizioni economiche, di visione strategica e di govrnance e veniva riconosciuto ad Intesa San paolo una posizione di sponsor esclusivo della fondazione, essendosi reso necessario per garantire tale posizione il ricorso ad una gara ad evidenza pubblica, FASSINO, MILELLA alla presenza di COPPOLA davano incarico agli Avv. Lanciani e Piacentini di predisporre due bandi di gara (avviso pubblico di ricerca di mercato per la scelta di operatori economici che intendessero assumere la qualifica di Socio Fondatore della Fondazione in data 15.3.2016 e avviso pubblico di ricerca di mercato per la scelta di operatori economici che intendessero diventare Sponsor finanziari dell'edizione 2016 del Salone del Libro in data 23.3.2016) che, di fatto , recepivano gli accordi già avvenuti tra Intesa San Paolo e Fondazione ed escludevano altri soggetti potenzialmente interessati.”

Chiude l’elenco delle fattispecie di reato la sezione “Falsi bilanci 2010-2015” che pone numerose interessanti domande sulla gestione economico-finanziaria del Salone del Libro, soprattutto per la parte relativa il valore del marchio e i “trucchi” per mettere così in ordine i conti del Salone. Picchioni, i revisori dei conti e il titolare della società di advisor che stima nel 2009 in 1 milione e 800 mila euro il valore del marchio sono indagati dato che, secondo la Procura, la cifra è fallace e lo testimoniano le perizie successive del 2015 (studio Jacobacci, tra 108 e 215 mila euro) e del 2018 (liquidatore Gili, sui 350 mila euro)

Come concludere un articolo simile? Potremmo citare quel famoso e raffinato analista politico che scrisse “Ce n’ è per i maiali”: il garantismo di Sistema Torino è ormai storico, e l’abbiamo spesso ribadito di fronte a questioni politiche che approdano alla Procura di Torino.
Quel che a noi preme sottolineare è l’evidenza in alcuni passaggi che quel famoso “Sistema Torino” forse esisteva veramente e forse forse non era così virtuoso come il megafono comunicativo ha cercato di farci credere per venti anni. Non è il tintinnare di manette che auspichiamo (lo lasciamo volentieri ai pentaleghisti che si fanno fotografare in divisa), ma un accertamento di alcune verità storiche sulla recente attualità della nostra città.
Ci piace anche fare come Scanzi (anche se noi a differenza sua abbiamo continuato a rimanere seduti dalla parte del torto) e dire che queste cose noi le scrivevamo già nel 2016 (QUI), che non vi era bisogno (ma ben vengano) di indagini giudiziarie per “scoprire” alcune tendenze della politica nostrana, che potrebbero però tornare utili per fare una lettura più lucida e obiettiva della “Torino always on the move” che viveva di grandi eventi, cultura, ricchi premi e cotillon.


Proprio perché, guardando alla città con il senno di poi, i ricchi premi e cotillon sono rimasti appannaggio di pochi, mentre la città langue in un declino che ha radici molto lontane.

mercoledì 16 gennaio 2019

DECRETO SICUREZZA A 5 STELLE: DA TORINO AL PIEMONTE COMANDA LA LEGA

Lunedì 14 gennaio 2019, Sala Rossa, Consiglio Comunale di Torino. Fabrizio Ricca, Lega Nord, dichiara a verbale: “Ora vediamo come l’Aula andrà a votare, e anche in base a come l’Aula andrà a votare la Lega prenderà dei provvedimenti.

Questa la minaccia politica che il rappresentante fascioleghista ha indirizzato ai suoi colleghi lunedì scorso, durante la discussione della mozione (presentata da Artesio, Montalbano, Enzo Lavolta e Chiara Foglietta) che chiedeva verità e giustizia sul caso Cucchi con relativa censura politica delle dichiarazioni a riguardo di Giovanardi e del Ministro Salvini, del quale si chiedevano inoltre le dimissioni.

Strumentalizzazione politica?
Sembrerebbe di sì ad ascoltare l’intervento del consigliere grillino Damiano Carretto: “un atto del consiglio comunale non deve spostare l’attenzione dalla verità e giustizia per Cucchi. Il Ministro dell’Interno non merita quel posto e non mi rappresenta.”
E infatti l’auspicio viene accolto dal compagno di Governo Ricca che presenta due emendamenti “per ri-armonizzare la mozione, come richiesto da Carretto, togliendo ogni riferimento politico.”

Leghisti e pentastellati uniti nella lotta!
Da Roma a Torino la morsa padana stringe sempre più al collo dei rappresentanti del M5S, e Ricca si gioca le sue carte sogghignando in faccia a quegli stessi attori locali grillini che si sentivano liberi e indipendenti (sì, come no).

Eppure sembra esserci nulla di più vicino alla maggioranza torinese se non questa mozione redatta dalla Compagna Artesio e dalla pasionaria Montalbano: basta ascoltare le parole della Capogruppo Sganga (che definisce IDIOZIE le parole di Salvini) per capire che l’assist fornito dalle opposizioni di sinistra è ghiotto per permettere al gruppo pentastellato di marcare la propria distanza dal fascioleghismo di Roma.
La strumentalizzazione politica è però dietro ogni angolo: prima il PD presenta un emendamento per aggiungere solidarietà alle forze dell’ordine (che la maggioranza dichiara di voler respingere), poi un emendamento simile ma edulcorato di Artesio (che invece verrebbe accolto), finché non si giunge a dover prendere una decisione sull’ emendamento Ricca e di conseguenza sul rapporto tra il M5S e la Lega (con relativo avvertimento di Ricca).
A questo imbarazzo, si aggiungono risate più o meno sguaiate, urla e accuse reciproche: risultato? Seduta sospesa, numero legale saltato al rientro in Aula e pericolo scampato per i five stars: nessun voto contrario al Ministro Salvini, il contratto di Governo è salvo vivaddio!

Martedì 15 gennaio 2019, Consiglio Regionale del Piemonte, assistiamo al replay del giogo fascioleghista al collo dei rappresentanti locali a 5 Stelle: si discute a proposito del ricorso della Giunta regionale alla Corte Costituzionale contro il "decreto sicurezza" di Salvini.

Quello stesso decreto sicurezza che aveva causato infuocati post su Facebook di consiglieri comunali e regionali pentastellati che “confessavano” al proprio popolo l’opposizione all’ orribile razzismo intrinseco al provvedimento fascioleghista. Bene, quindi si va alla lotta?

Si vota a favore della verifica della costituzionalità o meno del decreto in questione? In fondo dei conti è legalità anche questa no? Manco per niente, anche qui si lotta come un sol uomo pentaleghista contro il buonismo delle sinistre radical chic.
Prendendo spunto dal comunicato stampa del sito del Consiglio Regionale, per Giorgio Bertola, Davide Bono e Federico Valetti (M5S) “la realtà dei fatti è che c’è grande e grave disagio nei nostri territori. Chi abita in piazza vittorio come Chiamparino forse non ha contezza di quello che accade nelle periferie delle città. Non dobbiamo né cavalcare né ignorare il disagio. QUESTO GOVERNO STA CAMBIANDO L’IMMAGINE E L’AUTOREVOLEZZA DELL’ITALIA IN EUROPA, tutti devono essere parte della soluzione e non scaricare su qualcuno i problemi. a forza di retorica buonista e terzomondista, ci si dimentica delle persone che soffrono. Ci siamo preoccupati delle condizioni dei paesi da cui si parte e non di quelle in cui si arriva e accogliamo queste persone per permetterci di mantenere i nostri stili di vita con manodopera a basso costo”.

E Frediani? Voi ci direte “hai censurato la Compagna Frediani che avrà ricordato a tutti la tradizione d’ accoglienza della Valsusa” (che l’ultimo film di Daniele Gaglianone ci racconta in maniera struggente).
Spiace cari compagni: Francesca Frediani è rimasta in silenzio e votato contro il ricorso costituzionale avverso al decreto sicurezza (NdR: la Consigliera afferma di non aver votato contro).

Non si può andare contro il Capitano (di sventura), non si può fare una votazione avversa al compagno di Governo, non si può alzare la testa ma solo rispettare la cieca obbedienza.
Cel’ ha ricordato anche ieri, e con questo chiudiamo il Festival degli Orrori, la Sindaca Chiara Appendino: “Ritengo sbagliato, per quanto riguarda il Dl Sicurezza, che alcuni sindaci abbiano deciso di disobbedire, perché un sindaco deve sempre obbedire alla norma”. Sic et simpliciter: stai zitto, rispetta Sua Maestà LEGALITÀ (il più iperuranico dei princìpi pentastellati, oltre che il più destrorso) e Sua Eccellenza OBBEDIENZA e tutto andrà bene. Con buona pace dei distinguo tra i due alleati di Governo che qualcuno vuole ancora propugnarci.